AD
No ad per te

Addio a Nino Maulella, lo storico cartolaio di Piazza Verdi

Generazioni di spezzini sono passate per la sua cartoleria, con le loro paure e speranze.

Antonio Maulella, Nino per parenti e amici, era nato a Paterno, in Lucania, il 18 giugno del 1930 e si era trasferito alla Spezia nel 1960, anno del matrimonio con Maria Luisa Cerretti, spezzina conosciuta a Napoli.

Alla Spezia nel 1961 nacque il figlio Raffaele, oggi collega di Tele Liguria Sud. Prima di diventare spezzino di adozione, Nino aveva lavorato cinque anni in Svizzera come disegnatore di mobili in un'azienda vicino a Zurigo.

Dopo il matrimonio alla Spezia iniziò a lavorare nella cartoleria di Piazza Verdi, aperta nel 1948 dai suoceri, inventandosi (da geometra) e imparando il mestiere di rilegatore e cartolaio. Divenne così negli anni il “Cartolaio di Piazza Verdi”.

Dizionari, libri, tesi di molte generazioni di spezzini sono passati per quella cartoleria, così come paure e speranze di giovani studenti che acquistavano di prima mattina fogli e penne per saggi e verifiche.

Nonostante non fosse spezzino si era appassionato alla storia della Spezia leggendo e raccogliendo documentazioni fotografiche, sostenendo già negli anni '60 che i turisti andassero indirizzati in città anziché “dirottati” nei dintorni.

La cartoleria divenne una specie di piccolo centro culturale in cui si incrociavano pittori e artisti. Il sogno, rimasto tale, era di trasformare la cartoleria in una libreria con il bar. Tra tutti, il figlio Raffaele ricorda il maestro Teofilo Di Rosa, imponente con pipa e cappotto.

Da giovane Antonio Maulella si impegnò in Lucania nella Democrazia Cristiana con l'amico e conterraneo Emilio Colombo. Per rimanere vicino alla famiglia rinunciò ad un incarico come tecnico per la Nato e come operatore radio di bordo in Alitalia.

Iscritto fin da ragazzo all'Azione Cattolica, si è sempre impegnato per il sostegno ai sacerdoti ed alla Chiesa, entrando nella sezione spezzina del Serra Club, un'organizzazione nata negli USA e diffusa in tutto il mondo che ha proprio come scopo l'aiuto ai sacerdoti ed alle vocazioni.

È stato nominato Cavaliere dell'Ordine di San Silvestro Papa e Cavaliere al merito della Repubblica italiana. I funerali si terranno lunedì 3 agosto alle ore 11 nella chiesa di Santa Maria Assunta alla Spezia.

Al collega Raffaele e alla sua famiglia giungano le condoglianze di tutta la redazione di Gazzetta della Spezia.

AD
No ad per te



Autore: Redazione Gazzetta della Spezia
31-07-2020 17:47
 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy