AD
No ad per te

“È prematuro fare un consuntivo della stagione, siamo in linea con quello che ci aspettavamo”

di Cecilia Castellini - Un quadro della situazione turistica e raccomandazioni da parte del primo cittadino levantese.

All’interno della rubrica “Agenda Levante Info Weekend” di RLV La Radio A Colori, Alessandro Bertamino e Emiliano Diglio stanno chiedendo alle amministrazioni locali le sensazioni su questa stagione turistica particolare, che per certi aspetti si sta rivelando più positiva di come si prospettava. Questa mattina è stato il turno anche del sindaco di Levanto, Ilario Agata, che è intervenuto dando il suo parere e facendo un quadro della situazione, per quanto possibile.

“È prematuro fare un consuntivo della stagione perché mancano due mesi importantissimi, agosto e settembre, che nel rendiconto finale saranno determinanti. Vanno considerate inoltre le evoluzioni che potranno esserci, che speriamo tutti siano positive ma potrebbero essere anche negative” ha spiegato Agata.

“La stagione che abbiamo visto fino ad ora è in linea con quello che speravamo e ci aspettavamo. Abbiamo dei numeri confortanti per quanto riguarda il mese di luglio, simili a quelli dell’anno scorso, mentre qualcosa di meno nel mese di giugno. Sicuramente manca una componente straniera perché la pandemia ha contributo a fare calare in maniera vertiginosa questo dato. Una nicchia di mercato per noi, e non solo, davvero importante, della quale sentiremo la mancanza.

Per fortuna abbiamo un forte apprezzamento da parte degli italiani, un turismo familiare di seconde case che ci ha sempre sostenuto e che in questo momento si sta rivelando una ricchezza, un turismo che fa respirare non solo bar e ristoranti ma anche le attività commerciali tradizionali quindi tutto il tessuto sociale del paese”.

“Per quanto riguarda l’offerta marittima le spiagge sono sature senza aver creato ancora problemi rilevanti, luglio è andato abbastanza bene, mi aspetto le prossime due settimane un po' difficoltose ma spero e auspico di non dover inserire la prenotazione obbligatoria per gli arenili”.

“Con questi grandi afflussi predico sempre un po' di prudenza ovvero distanziamento e uso delle mascherine, non si chiede di usarle in giro con la famiglia ma nel momento in cui si entra in contatto con altre persone o dentro i locali. Questa richiesta di senso civico che faccio serve anche per prevenire il più possibile eventuali situazioni che potrebbero verificarsi in autunno, cosa che non auspico ovviamente perché un autunno positivo allunga la stagione, confortando presumibilmente l’andamento turistico. Penso e auspico che gli interventi fatti dal comune quali l’annullamento della cosap e la riduzione al 50% della tari possano aver contribuito a rendere questa stagione meno faticosa” ha concluso.

AD
No ad per te



Autore: Redazione Gazzetta della Spezia
08-08-2020 20:00
 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy