AD
No ad per te

Crollo del ponte di Albiano, Castagna: "Paganini è la più qualificata per il ruolo di sub-commissario"

Secondo l'esponente PD dal centrodestra arrivano solo polemiche strumentali.


Spiace vedere la levata di scudi del centro destra di fronte alla nomina di Monica Paganini - Sindaco di Arcola - a subcommissario per il ponte di Albiano. Come al solito la destra, in maniera becera e strumentale, non perde occasione per dare addosso intanto ad una donna, e che donna - verrebbe da dire - visto il lungo curriculum professionale nel campo delle infrastrutture che la Paganini può vantare. Ovviamente lo scorno é rappresentato dal fatto che un ministro di centro sinistra donna abbia indicato un'altra donna di centro sinistra; il fatto che nell'area in cui insiste la viabilità del ponte di Albiano la Paganini fosse la più qualificata per quel ruolo, questo per il centrodestra é una quisquilia.

Colpisce soprattutto la stizza dei pretoriani totiani locali, dettata forse dalla necessità di recuperare terreno rispetto alla ricostruzione del ponte Morandi a Genova, della quale i meriti vanno attribuiti al Governo nazionale, al commissario Bucci e all'abnegazione delle ditte e delle loro maestranze.

Farebbero meglio - costoro - a render conto dei cinque anni persi sul tema delle infrastrutture nella nostra provincia, del problema del biodigestore, del certificato sfascio della sanità...

Fortunatamente a breve i liguri saranno chiamati alle urne e potranno liberamente scegliere nell'offerta politica uomini e donne seri e competenti che metteranno in campo proposte ed azioni efficaci per ovviare al cronico immobilismo del Governatore Toti su infrastrutture, viabilità, ambiente e sanità.


Francesca Castagna
Assemblea Nazionale PD

AD
No ad per te



Autore: Partito Democratico
09-08-2020 16:48
 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy