AD
No ad per te

Rifondazione: "Omosessualità comportamento a rischio covid? Asl5 vergogna!"

"Non basteranno le dimissioni di qualche capro espiatorio."

"Credevamo che la patologizzazione dell'omosessualità fosse un doloroso ricordo del passato, ma non è così.

Quanto scritto nei moduli per accedere alla vaccinazione anti Covid dell'Asl5 è a dir poco vergognoso", è quanto dichiarano in una nota Verushka Fedi e Silvia Conca, rispettivamente segretaria provinciale di Rifondazione Comunista e responsabile nazionale per le politiche LGBTQI di Rifondazione.

"Già dal 2001, come ha ricordato Liguria Pride, le politiche sanitarie in Italia distinguono tra comportamenti a rischio e soggetti a rischio. È impensabile che una Asl faccia ancora confusione tra i due concetti e perpetui lo stigma contro le persone omosessuali.


Questo è pericoloso non per questioni formali. Per caso l'omosessualità è un comportamento, qualcosa che si possa quindi modificare? Questo "comportamento" ha tratti patologici o di rischio per la salute pubblica?

Le persone omosessuali hanno attraversato un'altra pandemia, quella dell'HIV/AIDS, pagando non solo un prezzo altissimo in termini di vite umane, ma anche in termini di pregiudizio: erano i tempi bui in cui si additavano gli untori della cosiddetta "peste dei gay" e l'Asl5 sembra ferma a quell'epoca, pur essendo l'ente deputato a curare la salute di tutti e tutte e a informare correttamente. Non si tratta, quindi, di comunicazione discriminatoria, ma di un disvelamento di grave e concreta incompetenza, per la quale non basteranno le dimissioni di qualche capro espiatorio."

Verushka Fedi, Segretaria Provinciale di Rifondazione Comunista
Silvia Conca, Responsabile nazionale per le politiche LGBTQI di Rifondazione

AD
No ad per te

 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy