AD
No ad per te

Regolamento bando case popolari, sindacati degli inquilini: "Il Comune non ascolta le nostre voci"

Sunia, Sicet e Uniat: "Il Comune va avanti sul regolamento per il bando delle case pololari nonostante l’incombere di sentenze della corte costituzionale".

"Nell’ultimo consiglio Comunale della Spezia sono state approvate due deliberazioni riguardanti le case pubbliche. Come Sindacati degli inquilini avevamo chiesto un anno fa, per non arrivare ora impreparati, un piano straordinario di ristrutturazione dei circa 300 alloggi in gestione Arte sfitti, la diminuzione dei massimi degli affitti concordati, la pubblicazione del nuovo bando per le case popolari".

"Oggi ci troviamo di fronte invece alla vendita di ben 57 alloggi, di cui 10 sfitti quindi da subito 10 alloggi in meno a disposizione. Ribadiamo che in questo periodo è necessario avere più case popolari disponibili in vista dello “tsunami” dello sblocco degli sfratti di giugno e quindi ci sembra assurdo che si vada a diminuire la disponibilità di case popolari, anche se i proventi derivanti dalla vendita verranno investiti nel recupero di altri. Il numero di alloggi popolari va aumentato non diminuito, a maggior ragione in questo momento".

"Grazie al nostro intervento si è riusciti a far inserire nella delibera che l’assegnatario che non fosse interessato all’acquisto, non sarà ricollocato in altro alloggio senza il proprio consenso. Evitando così ulteriori problemi sociali. Questa clausola non era stata prevista dall’amministrazione Comunale".

"Avevamo chiesto la pubblicazione del nuovo bando Erp, precisando sin da subito la necessità che in questo non fossero inserite clausole che verranno impugnate perché già dichiarate incostituzionali dalla suprema Corte. Nel merito bisognava evitare di inserire l’obbligo di residenza da più di cinque anni per poter partecipare al bando in quanto la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima tale norma applicata dalla Regione Lombardia".

"La sentenza della Corte Costituzionale è la n°44/2020 che chiarisce : È irragionevole negare l’accesso all’edilizia residenziale pubblica a chi, italiano o straniero, al momento della richiesta non sia residente o non abbia un lavoro nel territorio della Regione da almeno cinque anni. Questo requisito, infatti, non ha alcun nesso con la funzione del servizio pubblico in questione, che è quella di soddisfare l’esigenza abitativa di chi si trova in una situazione di effettivo bisogno".

"Un’altra criticità del regolamento riguarda la richiesta rivolta ai cittadini stranieri di un documento rilasciato dall’ambasciata o consolato in merito al non possesso di immobili adeguati al proprio nucleo famigliare nel paese di origine che è stata dichiarata incostituzionale con la sentenza n° 9 del 2021 come anche alcuni principi di premialità della residenzialità".

"Chiediamo ora a tutti ma proprio tutti, visto che la Giunta ha voluto approvare il regolamento senza tenere in considerazione il nostro grido di allarme, di farsi parte attiva affinché le leggi ed i regolamenti regionali in materia siano uniformate alle sentenze della Corte Costituzionale n ° 44/2020 e 09/2021 evitando così di procedere con un bando atteso da tantissime famiglie, l’ultimo è di 10 anni orsono, già praticamente impugnato su basi concrete, lasciando centinaia di famiglie in balia della grave situazione abitativa".

 


Franco Bravo - Segretario Regionale Sunia

Stefano Salvetti - Segretario Regionale Sicet

Antonio Donati - Segretario Regionale Uniat

Cristiano Ruggia. - Segretario Provinciale Sunia

Mara Fadda - Segretaria Provinciale Uniat

Mario Ricco - Segretario Provinciale Sicet

 

AD
No ad per te

Autore: Sunia 08-04-2021 16:39
 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy