AD
No ad per te

La gara ponte per la gestione della RSA Mazzini riguarda solo 2 piani (e uno ora non è utilizzabile)

di Elena Voltolini - La clausola di salvaguardia c'è, ma è molta la preoccupazione per il futuro dei lavoratori che vedranno ridurre il monte ore e alcuni dovranno essere ricollocati.

Scadranno il 26 aprile i termini per la partecipazione alla gara per la gestione della RSA Mazzini. Si tratta di una gara “ponte”, con un contratto della durata di 1 anno rinnovabile per altre 12 mensilità. A gara, inoltre, è solo parte della struttura ed anche i posti letto compresi nel capitolato non sono al momento tutti utilizzabili.
Il successore dell'attuale gestore KCS, infatti, si occuperà solamente dell'ultimo piano e del secondo. L'ultimo piano (post acuzie) ha un totale di 32 posti letto, suddivisi in 26 posti di degenza e 6 in area buffer; il secondo piano, invece, ne comprende 43, suddivisi in due moduli da 20 e 3 posti buffer. Tutto questo piano, però, sarà fruibile solo dopo che verranno realizzati (almeno in parte) lavori di competenza del Comune.

 “Il bilancio in via di approvazione – ha rassicurato l'Assessore Giulia Giorgi – prevede lo stanziamento di 450 mila euro. La speranza è che almeno parzialmente i posti letto possano essere riempiti anche a lavori non ancora ultimati, ma questo dipenderà dai dettami di Alisa”.

Al momento, quindi, i posti effettivi sono quelli dell'ultimo piano, mentre il totale di quelli inseriti nel capitolato di gara è 75.

E' questo un primo nodo di confronto, emerso anche nel corso della III Commissione consiliare del Comune della Spezia, tra i sindacati e ASL.
Secondo CGIL, CISL e UIL, infatti, “ballano” oltre 30 posti, ovvero ne sarebbero stati promessi 97-98. Numero che ASL fa scendere a 90, ribadendo però che era impossibile arrivare a tale cifra e che si è fatto quanto più possibile per ridurre lo scarto tra i posti letto inseriti nel capitolato e quelli esistenti un tempo (120).

Da qui, a cascata, deriva una serie di problematiche evidenziate dai sindacati. La riduzione dei posti letto, infatti, causa un abbattimento del monte ore per i lavoratori pari a circa il 30%. Quindi, se la clausola sociale inserita nella gara mette a riparo da licenziamenti, nessuna tutela c'è sul fronte delle ore di ciascun operatore e di conseguenza dello stipendio che percepirà. Secondo i calcoli dei sindacati molti passerebbero da un full time di 38 ore attuale a lavorare circa 20 ore a settimana e vedrebbero la busta paga ridursi circa del 30%.

Se poi, come detto, la clasola sociale c'è, resta anche il problema della ricollocazione in quanto in non rari casi a dover essere ricollocati, hanno evidenziato i sindacati, sarebbero persone alle quali non sarà facile trovare un nuovo posto. Se infatti gli OSS potrebbero trovare un reimpiego nell'assistenza domiciliare, chi lavorava nelle cucine o nella lavanderia della RSA non ha una professionalità tale da poter avere facile ricollocazione.

La preoccupazione è quindi tanta, anche perchè i tempi sono ormai molto stretti. La gara, come detto, scade il 26 aprile e se è pur vero, come ribadito dalla ASL, che dei 17 soggetti contattati molti hanno chiesto chiarimenti e dimostrato interesse, è altrettanto vero che bisogna aspettare che la partecipazione diventi effettiva e che ci sia un nuove nome da sostituire a KCS, il tutto entro pochi giorni.

Come anticipato si tratta di una gara ponte, transitoria, della durata di massimo 2 anni, cui farà poi seguito la gara vera e propria per l'affidamento dell'intera struttura e non solo, che comprende anche: il centro diurno di primo livello con 10 posti letto, il centro diurno di secondo livello con altri 10, 3 posti letto emergenza sociale e sociosanitaria e 27 posti a Levanto (20 di degenza e 7 buffer). I posti buffer poi, al termine dell'emergenza Covid, potrebbero consentire un ulteriore ampliamento di degenti, con la trasformazione di camere singole in doppie, anche se ancora da valutare.

AD
No ad per te

 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy