AD
No ad per te

Giuliano Diofili, l'arte al servizio della giustizia per cercare la verità sulle stragi

La moglie dell'artista, scomparso a dicembre scorso, ha consegnato al segretario del PD Letta la riproduzione del disegno con la planimetria di via dei Georgofili a Firenze dopo la strage del '93.

Ieri a Sarzana, in occasione delle celebrazioni dei Fatti del 21 luglio, alla presenza del segretario nazionale del Partito Democratico Enrico Letta, e come a suo tempo ebbe ad indicare, su espresso desiderio di Giuliano Diofili, la moglie Patrizia Biaggini ha donato alla sezione del PD di Sarzana la riproduzione in forex del disegno che raffigura la planimetria e la prospettiva di via dei Georgofili a Firenze dopo la strage del 1993 che costò la vita allo studente sarzanese Dario Capolicchio, già presentato anni fa a Palazzo Roderio nel corso della mostra dei disegni processuali relativi anche alla strage di Capaci.

Il lavoro è accompagnato da una spiegazione sul contributo di Giuliano Diofili come disegnatore nelle consulenze tecniche di fatti criminosi. Il tutto è corredato da una biografia dell'autore Diofili (1948-2020), che oltre ad una vastissima produzione artistica di pittore, scultore e scenografo, spesso ispirato a tematiche di impegno sociale e civile, aveva messo il suo talento a servizio della magistratura, in modo da poter contribuire all'obiettivo della ricerca della verità e della giustizia.

Enrico Letta ha colto in pieno il significato e il valore dell'opera rendendo omaggio all'artista, per suo tramite, alla moglie Patrizia che con piacere misto a commozione ha illustrato il lavoro di Giuliano. Un'ulteriore testimonianza del'artista che da oggi viene messa a disposizione della comunità sarzanese.

AD
No ad per te

 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy