AD
No ad per te

Tamponi rapidi gratuiti nelle farmacie liguri per gli under 12, la proposta del PD

"Per rafforzare lo screening e prevenire il contagio, anche in vista del ritorno a scuola".

 

“Con la ripresa della scuola occorre rafforzare sia la campagna di vaccinazione sia gli screening. I circa 4mila tamponi salivari previsti negli istituti sono uno strumento ‘a campione’: serve un intervento maggiore per rendere efficaci gli screening. Per questo proponiamo di estendere i tamponi gratuiti agli under 12, che sono esclusi, ad oggi, dalla campagna di vaccinazione, ma pagano i tamponi come gli altri”. È la proposta del Gruppo PD in Regione, che dopo aver già richiesto tamponi gratuiti per i soggetti impossibilitati a vaccinarsi contro il Covid per motivi di salute, con un Odg approvato all’unanimità a luglio dal consiglio regionale, ora chiede di estendere questa opportunità anche agli under 12.

“In Emilia Romagna succede già - affermano il capogruppo del Partito Democratico-Articolo Uno Luca Garibaldi ed il consigliere regionale Roberto Arboscello - Qui i tamponi rapidi sono infatti a carico della sanità pubblica, a partire dal primo settembre, per tutte le persone che non possono vaccinarsi e per chi ha la certificazione di esenzione”.

“Il PD porterà la questione in consiglio regionale per chiedere che anche la Regione Liguria faccia lo stesso, mantenendo invece i tamponi a pagamento e prezzo calmierato, per chi invece può ma non si vaccina e per chi è in attesa del Green pass. La vaccinazione, infatti, rimane la strada principale per ridurre i contagi e va intensificata la campagna; i tamponi sono uno strumento per il controllo del virus, e chi non può vaccinarsi deve poterli fare gratuitamente”, concludono i consiglieri del Gruppo PD.

AD
No ad per te

Autore: Partito Democratico 03-09-2021 16:26
 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy