AD
No ad per te

Toti: "La scuola inizia oggi e non deve fermarsi più"

L'inizio dell'anno scolastico segna il ritorno tra i banchi di tutti gli alunni dopo un anno e mezzo di didattica a distanza e lezioni solo parzialmente in presenza.

"L'obiettivo irrinunciabile è che la scuola che inizia oggi non si fermi più – afferma il presidente Toti – È un obiettivo per il Paese, non solo per l'istruzione di questi ragazzi, che è fondamentale, ma anche per garantire loro una vita che in questo ultimo anno e mezzo di scuola non hanno avuto, con i primi compagni di scuola, gli amici, la socialità. È molto quello che abbiamo negato a questi ragazzi fino ad oggi e credo che dobbiamo recuperare bene e in fretta. Le condizioni ci sono tutte, la vaccinazione del personale scolastico è andata veloce, siamo oltre il 90%, il lavoro fatto dai nostri assessori alla Scuola e ai Trasporti con prefetture e direzione scolastica mi pare stia garantendo un ordinato svolgimento del primo giorno di scuola. Nel complesso lo sforzo è stato tanto e credo verrà ripagato”.

Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti he, con il sindaco di Genova Marco Bucci e gli assessori regionali alla Scuola Ilaria Cavo e alle Politiche dell’istruzione Barbara Grosso, è stato in visita questa mattina all’Istituto Comprensivo Terralba in piazza Solari a Genova per salutare i bambini della scuola dell’infanzia e della primaria, insieme al personale, in occasione dell’avvio dell’anno scolastico. Ad accompagnare Toti, Bucci e gli assessori in alcune classi per salutare bambini e insegnanti sono stati il direttore dell’Ufficio Scolastico regionale Ettore Acerra e la dirigente scolastica Luisa Giordani.

Per il sindaco Bucci “è stato bellissimo, questa mattina, accompagnare nel primo giorno di scuola gli alunni dell’Istituto Comprensivo Terralba. La prima campanella è un momento indimenticabile, non solo per i ragazzi ma anche per i loro genitori. Sarà un anno importante dopo i tanti stop dovuti dalla pandemia: osservare tutte le regole sanitarie – prosegue Bucci - sarà fondamentale per non vedere più banchi vuoti. Ai maestri, i professori e a tutto il personale delle scuole di Genova va il mio ringraziamento per l’impegno e la dedizione nello svolgere il loro lavoro. A tutti in bocca al lupo per il nuovo anno scolastico”.

"Abbiamo visto mamme e papà commossi – afferma l’assessore Cavo - maestre prendersi grande cura dei nuovi alunni tanto da regalare cartoncini a forma di palloncini con messaggi personali ad ognuno di loro. Abbiamo visto insegnanti di sostegno pronti ad accogliere gli studenti, abbiamo ascoltato i bambini della quinta elementare manifestare tutto il piacere per le materie Stem, matematica e scienze. Ho toccato con mano anche una scuola di Mele che da 10 anni ha puntato sul digitale e racconta ciò che di buono rappresenta l'utilizzo del digitale in classe. Regolarità nei flussi delle scuole superiori. Questa è la scuola che vogliamo, questo è il grande valore della scuola che abbiamo recuperato e che tutti insieme vogliamo mantenere".

L’assessore Grosso rivolge “un grande in ‘bocca al lupo’ ai bambini e ai ragazzi che iniziano oggi un nuovo anno scolastico, e un grande ringraziamento a tutti gli insegnanti e ai collaboratori per l’energia e l’impegno che mettono nel loro lavoro, fondamentale per la formazione dei nostri bambini. Mi auguro che questo anno scolastico segni il ritorno alla normalità della quale tutto noi abbiamo bisogno. L’emergenza sanitaria ci ha messo a dura prova, ma speriamo che ci permetta di rispettare e difendere i principi sociali ottenuti, ossia il senso civico e il rispetto dell'altro in tutte le sue caratteristiche. Auguri, dunque, per un anno scolastico proficuo, fatto di coerenza, pazienza, rispetto, educazione e impegno da parte di tutti”.

 

AD
No ad per te

Autore: Regione Liguria 15-09-2021 11:31
 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Consenso privacy